De Santis, Il Panino di Milano

Business needs

Industry

tag

Un locale iconico di Milano si trasforma in un format retail in cui l’esperienza gastronomica incontra la cultura popolare milanese. Un linguaggio contemporaneo in grado di trasmettere una milanesità intima ed elegante.

“Da un piccolo posto nasce il panino più buono del mondo”

Questa frase scritta da Lina Sotis, scrittrice e firma del Corriere della Sera, racchiude l’essenza di De Santis. Nato nel 1968 a Milano, in pieno fermento culturale, l’aspetto storico e immutato del locale, caratterizzato da boiserie, intonaco strollato e cavi a vista, si scontra da sempre con la qualità eccelsa dell’offerta dei panini che utilizzano prodotti di prima qualità e con l’esperienza “singolare” che si vive all’interno del locale.

Collage Before

A partire da un’idea imprenditoriale ambiziosa, l’obiettivo è stato fin dall’inizio di trasformare l’iconicità del primo locale di Corso Magenta in un format retail replicabile. La nuova tagline “Il panino di Milano dal 1968” racconta in modo sintetico il legame con la città di Milano e l’eccellenza dell’offerta gastronomica, declinati sia nel progetto d’interior design che nel linguaggio visivo. Il nuovo De Santis diventa un luogo elegante ed informale, espressione di un modo di fare milanese in cui creare una relazione autentica tra brand e consumatore.

. . .
Il logo prima e dopo

Il nuovo locale di Via Cesare Battisti, il primo di una serie di prossime aperture, sviluppato in lunghezza e con il banco a ridosso dell’ingresso, ricrea l’esperienza del locale storico in cui il cliente vive in prima persona la preparazione del panino perfetto.

marco reggi photographer 005 cut
marco reggi photographer 009 scaled
marco reggi photographer 015 scaled
marco reggi photographer 071 scaled
marco reggi photographer 001 scaled

Per creare un format replicabile in cui ritrovare l’atmosfera unica di De Santis, gli elementi più iconici del locale storico sono stati riletti in chiave contemporanea pur mantenendo una forte classicità:

  • ll banco di preparazione, vero protagonista del locale come in Magenta, è realizzato interamente in legno ma impreziosito con dettagli in ottone e un piano d’appoggio in marmo bianco;
  • La boiserie è pensata come un elemento flessibile e dinamico, una scansione di montanti in legno accoglie una sequenza di mensole, teche, lampade e poster che raccontano l’identità di De Santis;
  • La panca perimetrale in legno e pelle verde è un richiamo alla tradizionale seduta dei tram milanesi riletta in chiave elegante;
  • Le lampade in vetro Tiffany, realizzate da un artigiano milanese, sono state reinterpretate in chiave contemporanea utilizzando vetro colorato;
  • Il pavimento con un decoro geometrico cita le cementine milanesi aggiungendo una nota di colore al locale.

I poster, pensati come dei collage, raccontano il presente e il passato, creando contrasti visivi forti che legano due epoche. Raccontano situazioni, luoghi e personaggi mescolando elementi e ricomponendoli in maniera inaspettata. A questi si affiancano dei proverbi milanesi in grado di trasmettere ironia e leggerezza in uno spazio classico.

Il nuovo linguaggio De Santis, coerente alla sua storia, è stato arricchito nel linguaggio e nella palette cromatica in modo da adattarsi a tutti i materiali. Il packaging per il delivery, il menù, la carta alimentare e i nuovi prodotti marchiati De Santis raccontano la cura del dettaglio che si ritrova nei panini.

Mockup Menu aperto
Mockup Box Take Away
Mockup Vasetto
Mockup Panino e velina

Condividi

il

progetto